Tag

, , , , ,

Uno stupro non è il numero Uno. Un numero qualsiasi che ci riempie la bocca, e che passa.
Uno stupro è un evento traumatico. Un evento che cambia una vita. Il modo di percepire il mondo, e l’altro sesso. Incute paura di tutto e tutti. Rende inabile una persona.
Però vorrei descrivere lo stupro come è realmente, materialmente.
Una donna viene rapita, denudata, picchiata a sangue. Poi uno o più uomini la penetrano nella vagina, nell’ano, e magari anche in bocca.
La sua carne sente tutto, e non prova piacere, ma disgusto. Chi la stupra non si è lavato prima di avere il rapporto, e non ha fatto esami per stabilire se ha l’AIDS o l’Epatite B,C, delta. Il suo pene puzza, di piscio, o altro. E lei sente il gusto di ciò che le entra in bocca. E’ costretta, le papille gustative non si possono comandare.
Il seme dell’uomo, che lei non ama e non vuole, le entra dentro, o viene depositato sopra al suo corpo. Ed è inutile lavarsi, assume un simbolo che resta lì per sempre, e che non si toglierà più.
Lei non vorrà più farsi toccare dal suo uomo,  e il sesso gli apparirà come qualcosa di orribile. Dovrà fare sedute di psicologia, e magari psichiatria. Prendere medicine.
Piangere, questo farà. Tanto piangere. Si chiederà perché lei. Si chiederà se ha sbagliato lei.
E piangerà, capendo che è sola…