16 02 2000 o la Solitudine (poesia)

depression_h_partb

Come un pesce
che risale la corrente.

Come un gatto
che prova a volare.

Come un uomo
che prova a capire Dio,
son Io.

Cosa manca alla mia vita?
Cosa mi fa sentire così male?

Non sono certo le ali,
il cuore vola alto
Non è certo la Fede,
a mio modo credo anch’io

Cos’è allora che mi tiene giù,
cos’è allora che mi fa imprecare.

O vita maledetta,
fonte di ogni mia pena,
potrò mai lasciarti?

Amo troppo la mia famiglia,
credo troppo nel mio futuro,
perché possa abdicare.

Ma mentre penso a ciò
tutto scorre intorno a me,
nulla è come prima
e, Io, sono sempre più solo.

Potrò mai essere quel guerriero,
ferito a morte,
che si rialza e uccide il nemico?

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

16 02 2000 o la Solitudine (poesia)

depression_h_partbCome un pesce
che risale la corrente.

Come un gatto
che prova a volare.

Come un uomo
che prova a capire Dio,
son Io.

Cosa manca alla mia vita?
Cosa mi fa sentire così male?

Non sono certo le ali,
il cuore vola alto
Non è certo la Fede,
a mio modo credo anch’io

Cos’è allora che mi tiene giù,
cos’è allora che mi fa imprecare.

O vita maledetta,
fonte di ogni mia pena,
potrò mai lasciarti?

Amo troppo la mia famiglia,
credo troppo nel mio futuro,
perché possa abdicare.

Ma mentre penso a ciò
tutto scorre intorno a me,
nulla è come prima
e, Io, sono sempre più solo.

Potrò mai essere quel guerriero,
ferito a morte,
che si rialza e uccide il nemico?

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Non dimenticare Dio (Il nazismo)

Yad Vashem a Gerusalemme

Yad Vashem a Gerusalemme

Gli occhi del bimbo
che cerca di lavarsi
e che trova la morte.

Non dimenticarli uomo.

I corpi straziati,
accalcati nelle fosse,
deformi dalle torture.

Non dimenticarli uomo.

Le idee che portarono a ciò,
gli occhi dei dittatori,
ciò che fecero.

Non dimenticarli uomo.

I loro volti.
Sia quelli dei carnefici,
come dei dittatori.

Una volta morti, però,
non dimenticarli Dio.

 

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.