Ama il mio corpo (Poesia)

Non pensare a me
come a un poeta
se questo ti impedisce di amarmi.
Non credere che io sia un filo d’erba
travolto dalla tempesta,
So essere anche quercia,
se la vita lo chiede.
So essere anche aquila,
se ho il vento a favore.
Non sono solo anima,
ma corpo caldo che ama,
ama amare ed essere amato.
Non pensare a me
come ad un poeta
se questo ti impedisce di osare.
Ama questo mio corpo,
seppur non bello,
seppur imperfetto ,
egli porta in sé la mia anima

Edera ed Albero (Poesia)

735551_494494537262713_103253376_oUn tempo eran umani,
lei Edera,
lui Albero.

Amanti insaziabili,
baci appassionati,
tenere carezze.

Lunghi viaggi
mano nella mano
sempre abbracciati.

Zeus, deo infame:
Era non basta,
io voglio le umane.

Dire no, non potrai,
da lui, padre degli Dei,
tutto ciò che vuoi avrai

In cambio di amore
vita eterna otterrai,
dea meravigliosa sarai.

Stufo dei rifiuti,
Albero trasformò:
come lo conosciamo
egli diventò.

“O, Eros, dio dell’amore
aiutami a stargli vicino,
Albero io amo
è il mio destino. “

Il dio dell’amore
ascoltatala pregare
Edera volle accontentare.

Ancor oggi tu vedrai
nei parchi e nelle aiuole
Edera Albero abbracciare.

© Alessandro Bon