L’opinione di Alessandro Schwed al mio libro “La persistenza della Memoria”

Vorrei porgerti la mia impressione dopo una prima lettura de ” La persistenza della memoria” che mi hai mandato in pdf. I temi che tratti sono molto forti e trattati a fondo, mi paiono davvero originali, sono i particolari sentimentali della nostra vita, vita guardata molto da vicino…la nostra compagna, la mamma, generare un figlio,Continua a leggere “L’opinione di Alessandro Schwed al mio libro “La persistenza della Memoria””

“La persistenza della memoria”: anamnesi e nekyia nella scrittura di Alessandro Bon (di Lucia Guidorizzi)

Scrivere un libro può essere dettato da tanti motivi: amore per il raccontare, per il raccontarsi, per comunicare un messaggio e, ancor di più se si tratta di un libro di poesie, significa esporre in modo disarmato la parte più intima di noi, quella più segreta e vulnerabile. Non ho mai creduto ai poeti cheContinua a leggere ““La persistenza della memoria”: anamnesi e nekyia nella scrittura di Alessandro Bon (di Lucia Guidorizzi)”

Al Partigiano Vianello (Poesia)

Vi era un albero vicino casa mia, quand’ero bimbo. D’autunno le foglie ricoprivano il viale d’ingresso, e lo coloravano di rosso. Mia madre sbuffava quando le raccoglieva protestando fra sé e sé contro i vicini. Ora quell’albero non c’è più, e manca a mia madre quel rito autunnale che le ricordava il cambio di stagione.Continua a leggere “Al Partigiano Vianello (Poesia)”

L’albero e il giovane (Alessandro Bon)

Sopra il Monte Verde vi era un albero gigantesco il cui diametro era pari a venticinque uomini fra loro uniti. Si narrava che fosse più vecchio di ogni altro essere vivente della regione, e che se interpellato poteva anche rispondere alle domande poste. Un giorno un giovane del paese decise di interrogarlo per conoscere meglioContinua a leggere “L’albero e il giovane (Alessandro Bon)”

Ama il mio corpo (Alessandro Bon)

Non pensare a me come a un poeta se questo ti impedisce di amarmi. Non credere che io sia un filo d’erba travolto dalla tempesta, So essere anche quercia, se la vita lo chiede. So essere anche aquila, se ho il vento a favore. Non sono solo anima, ma corpo caldo che ama, ama amareContinua a leggere “Ama il mio corpo (Alessandro Bon)”