Lettera ai mafiosi: Peppino è il Tempio, voi il concime…

peppino-impastato_ok

Ripropongo un mio articolo del 2007 in onore di Peppino Impastato di cui oggi rincorrono i 33 anni dall’amicidio

Anche da morto Peppino da fastidio! Da fastidio perché c’è un’Italia, una Sicilia, un Meridione sano che lo hanno adottato ad eroe, a simbolo di giustizia.
Negli ultimi mesi sono stati fatti vari attentati all’associazione che porta il suo nome. Ma volevo dire ai signori mafiosi che anche se hanno abbattuto l’albero dedicato a Peppino, anche se riuscissero a distruggere la casa museo a lui dedicata…ci siamo noi, che consideriamo Peppino un eroe moderno a ricordarlo ai giovano.
Peppino non è più fisicità, e come lui tutte le vittime fatte da VOI MERDOSI MAFIOSI, vive nella nostra memoria, nel ricordo di chi lo ama per quella faccia buffa e decisa, per quegli occhi persi nel vuoto e quel grande cuore. Tanto grande da essersi sacrificato per la VERITA’ E PER LA GIUSTIZIA.
Cari mafiosi, è questo il vostro destino! Farete una vita da chiusi in tane sotterranee come Provenzano, e non riuscirete a godervi i vostri soldi, che tanto agoniate. Poi da morti nessuno vi porterà un fiore, non si ricorderà con una lacrima di voi. Non avrete tombe e faste, non avrete nulla di quello che ha Peppino
Peppino, Falcone, Dalla Chiesa e tutti i martiri che VOI MERDOSI avete fatto, vivranno sempre nei nostri cuori, non
hanno bisogno di pezzi di terra, di piastre di marmo in cui vengano riportati i loro nomi.
Loro vivono nel cuore di tutti gli onesti, di tutti quelli che lottano e sognano UN MONDO DIVERSO, in cui la mafia sia solo un brutto ricordo, ed in cui statue di questi eroi ricordino la grandezza che può raggiungere un uomo.
Gesù disse: “Distruggete questo tempio, ed io lo farò erigere in tre giorni”.
Io vi dico: “Distruggete chi vi combatte, e noi gli erigeremo un tempio fatto di memoria!”
Le parole, le idee non si possono uccidere. E voi uccidete gli uomini, non i loro ideali! Questi ideali continuano a vivere in Noi giovani.
Anche quì nel profondo nord, dove la mafia non la conosciamo, abbiamo bisogno di eroi come Peppino.
E voi non siete nessuno… siete come foglie che cadono a terra d’autunno… concime per i vermi!!!

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Lettera di un figlio ad un padre: “Papà grazie dei tuoi sacrifici, non farne altri per lo stato”

Lettera a un padre

Caro papà mi ricordo di quando ci raccontavi della tua infanzia? A sette anni aiutavi tua zia a trasportare bibite per Burano perché non c’erano soldi: era l’Italia povera del dopo guerra, quella dei calzoni corti e dei buchi sotto le suole delle scarpe, con i geloni che spaccavano la pelle dei piedi. Io a 7 anni lavoravo di fantasia con mio fratello, che di anni ne aveva sei, immersi in un mondo fatato in cui non sapevamo neppure rifarci il letto.

Ti ricordi a 11 anni come passavi le tue giornate? Andavi a lavorare alle 7:00 con il battello, e poi fino alle 18:00 correvi davanti ai forni che lavoravano il vetro ad una temperatura di1200°C. Il vetro di Murano ti riempiva la pelle di schegge quando esplodeva, e le canne per soffiare ti bruciavano la pelle. Continua a leggere “Lettera di un figlio ad un padre: “Papà grazie dei tuoi sacrifici, non farne altri per lo stato””

Che Guevara: l’odio come fattore di lotta

L’odio come fattore di lotta; l’odio intransigente contro il nemico, che permette all’uomo di superare i suoi limiti naturali e lo trasforma in una efficace, violenta, selettiva e fredda macchina per uccidere. I nostri soldati devono essere così: un popolo senza odio non può distruggere un nemico brutale. Bisogna portare la guerra fin dove il nemico la porta: nelle sue case, nei suoi luoghi di divertimento. Renderla totale. Non bisogna lasciargli un minuto di tranquillità […] farlo sentire come una belva braccata. (citato in Guido Crainz, Storia del miracolo italiano, Donzelli, 2003)