Al Partigiano Vianello (Poesia)

Autore Joel Robinson

Autore Joel Robinson

Vi era un albero vicino casa mia,
quand’ero bimbo.

D’autunno le foglie
ricoprivano il viale d’ingresso,
e lo coloravano di rosso.

Mia madre sbuffava
quando le raccoglieva
protestando fra sé e sé
contro i vicini.

Ora quell’albero non c’è più,
e manca a mia madre
quel rito autunnale
che le ricordava
il cambio di stagione.

O forse le manca il vecchio partigiano Vianello
che si scusava delle foglie cadute
come i Soldati di Ungaretti…
e che a lui erano così cari.

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

 

Al Partigiano Vianello (Poesia)

Autore  Joel Robinson

Autore Joel Robinson

Vi era un albero vicino casa mia,
quand’ero bimbo.

D’autunno le foglie
ricoprivano il viale d’ingresso,
e lo coloravano di rosso.

Mia madre sbuffava
quando le raccoglieva
protestando fra sé e sé
contro i vicini.

Ora quell’albero non c’è più,
e manca a mia madre
quel rito autunnale
che le ricordava
il cambio di stagione.

O forse le manca il vecchio partigiano Vianello
che si scusava delle foglie cadute
come i Soldati di Ungaretti…
e che a lui erano così cari.

Licenza

Licenza Creative Commons
Questo testo è di Proprietà intellettuale di Alessandro Bon può essere usato solo citando l’autore Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

 

Al Partigiano Vianello (Poesia)

Vi era un albero vicino casa mia,
quand’ero bimbo.

D’autunno le foglie
ricoprivano il viale d’ingresso,
e lo coloravano di rosso.

Mia madre sbuffava
quando le raccoglieva
protestando fra sé e sé
contro i vicini.

Ora quell’albero non c’è più,
e manca a mia madre
quel rito autunnale
che le ricordava
il cambio di stagione.

O forse le manca il vecchio partigiano Vianello
che si scusava delle foglie cadute
come i Soldati di Ungaretti…
e che a lui erano così cari.

Al veneto de ‘na volta

Ti te ricordi quando xe parlava in veneto, e non xera un’ofesa par nessun esser orgoglioso dea to tera. Ti te ricordi quando par strada tuti se sautava, e non ghe xera solitudine. I bocia saltava ‘a corda par strada, e i veci sentai in carega xe racontava storie de guera e de vita. Che bei xera quei tempi… Eppur xe pasà soo un 20 – 25 ani… ma deso me sento foresto in sta cità che i ciama Venessia…

I veci xe conosseva tuti, e ti non ti xeri Alessandro, ma el nevodo dea Ruza, el fio del Bon. Xe xogava a mama caseta, e non coa “play station”, e a sera se ‘ndava fora coi noni a xogar a nascondin fin ae diese. Se, sentiva sigàr nei campeti putei che se divertiva, non ghe xera mai siensio, mai se non de pomerigio, quando gli operai de Marghera ‘ndava a dormir.

E i nonsoi? Ti tei ricordi, a sera a corer drio ai nonsoi? Ma ti tio sà come se ciama in ‘tajan… mi no: i go sempre ciamai così…

Ma dove i ga nascosto el me veneto, dove i ga mandà a me cultura, dove i imbusà i putei… I ne ga copà, i ne ga asimilà… e non semo più boni de tornar a eser veneti, come se eserlo ofenda i foresti…