Notte al lavoro (poesia)

La notte a Marghera la passo a guardare le stelle, all’orizzonte grandi stabilimenti mi oscurano la visuale. Il canale di fronte a me, mi ricorda la morte: è brutto e sporco, è solo e desolato. Il porto è abbandonato. Sovente s’accende la notte, quando una nave ormeggia: le voci ripopolano il vuoto.