Tag

, , , , , ,

“Viaggio sulle ali del destino”Un esperimento lungo una vita.
Sperimentiamo tante sensazioni, emozioni e cambiamenti. Troppo spesso però ci dimentichiamo di sperimentare ciò che ci renderebbe felici. Temiamo il cambiamento. Veniamo educati sin da bambini a seguire dei binari, a non uscire dagli schemi, a non disobbedire al gruppo.
Ci viene data un’identità, un’istruzione, ci viene dato un percorso da seguire: ed è nostra responsabilità non deviare da esso.
Ma in realtà tale responsabilità non esiste. Veniamo responsabilizzati a seguire dei canoni di comportamento atti a rendere stabile il sistema. Lavorare, pagare le tasse, essere bravi cittadini. Uscire la mattina dall’ovile e rientrare la sera per guardare la TV. Ma non c’è nulla di più falso di questa vita che ci viene programmata.
Alla fine dei nostri giorni ci chiederemo il senso di questo percorso sulla Terra. Ci chiederemo se in questo percorso ci siamo limitati a mettere un piede davanti all’altro o se abbiamo imparato a saltare da una piastrella nera all’altra, come facevamo da bambini.
La realtà non è quella che ci viene descritta da chi ci vuole sudditi. La realtà non esiste, o meglio non esiste alcuna realtà se non ciò che noi sappiamo costruire attorno a noi.
Nella vita ci sono eventi inevitabile e situazioni realizzabili.
Gli eventi inevitabili riguardano la vita stessa: nascita, morte, malattia, tragedie familiari. Sono tutte situazioni che mai vorremmo vivere, ma di fronte a cui siamo costretti a metterci in discussione. Poi, però, c’è qualcosa di più. C’è la possibilità di essere felici. Di andare oltre la prigione in cui cercano di richiuderci.
Ci sono molti modi per evadere. Alcune persone riescono a evadere parzialmente trovando hobby a cui dedicarsi, altre riescono a uscire completamente dalla caverna in cui sono rinchiuse.
Non è facile fuggire dalla realtà materiale di cui siamo impregnati, ma è possibile comprendere che oltre le nostre paure non vi è altro che una nuova vita.
Se tutti imparassimo a non seguire gli insegnamenti ricevuti da chi ci ha istruito. Se tutti imparassimo a tornare bambini con la mente pulita e ricominciare ad imparare a vivere, a qualsiasi età potremmo diventare persone nuove. non c’è un’età per iniziare il cambiamento: c’è solo da mettere un piede su quella piastrella nera e evitare quella bianca. Perché così camminano i bambini e così i bambini imparano a sognare.